Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
12 dic

Roma, “Liberi di muoversi”: il progetto del I Municipio per quartieri a misura di pedone

Quartieri slow, senza rumori né gas di scarico. Rioni a passo d’uomo per strade più vivibili, per tutti. All’indomani delle polemiche per gli elevati livelli di smog e polveri sottili in tutta la città e per la mancanza di una politica di contenimento dell’inquinamento da parte della giunta 5 Stelle, il I Municipio presenterà domani alle 18 a Palazzo Valentini il piano “Liberi di muoversi”, per un centro storico a misura di pedone. Oltre allla minisindaca, Sabrina Alfonsi, ci saranno le associazioni di abitanti, gli assessori alla Mobilità di Regione e Comune, Michele Civita e Linda Meleo, e il deputato del Pd, Michele Meta.

Il progetto parte dalle isole ambientali previste nel piano generale del traffico urbano dei Campidoglio (approvato nel 2015, ma ancora non attuato) e prevede l’istituzione di rioni dove possano circolare solo auto e scooter dei residenti. “Pensiamo a Monti, Aventino, Trastevere e Testaccio – anticipa Anna Vincenzoni – zone dove saranno cambiati i sensi di marcia in modo che solo chi abita l’avrà interesse a entrare con le auto, perché i percorsi saranno più lungi rispetto alle strade di grande viabilità”.

Saranno anche modificati gli orari delle Ztl e le vetture potranno comunque procedere a non più di 30 chilometri orari. Inoltre, verrano relizzati percorsi pedonali protetti e le strade saranno abbellite con fioriere e panchine.

“Vogliamo

colmare un vuoto di iniziative rispetto ai grandi temi della città – precisa Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio – mentre la sindaca 5 Stelle, Virginia Raggi, con la sua giunta non produce delibere concrete per il bene comune, il nostro parlamentino, seppure in ristrettezza di risorse e personale, cerca di colmare il vuoto politico e amministrativo, raccogliendo le istanze degli abitanti e del territorio, anche su materie che il Campidoglio non delega ai Municipi”.

es_ES
it_IT
en_US