Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
5 lug

Roma, lite tra senegalesi e filippini finisce a coltellate: un arresto

Una vera e propria spedizione punitiva di un gruppo di filippini contro due nordafricani, quella che qualche notte fa era finita con l’accoltellamento di un senegalese, ricoverato in gravissime condizioni e sottoposto a un intervento chirurgico molto complicato e a rischio che però gli salvò la vita. E ieri il responsabile dell’accoltellamento è stato arrestato da agenti del commissariato Porta Maggiore, diretto dal dottor Moreno Fernandez.

L’aggressione. La storia inizia nella notte del 28 giugno. Un gruppo di filippini – quattro, forse di più – che abitano nello stesso stabile di Porta Maggiore in cui vivono due nordafricani, attendono il loro rientro in casa e li aggrediscono. Volano pugni, calci, botte. Poi un filippino tira fuori uno stiletto e più volte colpisce uno dei due senegalesi all’addome, procurandogli gravissime e profonde ferite agli organi interni.

La ricostruzione. Gli agenti del commissariato Porta Maggiore iniziano subito le indagini. Parlano con gli abitanti della zona per ricostruire quello che è successo, ascoltano i vicini dei nordafricani, girano il quartiere alla ricerca di indizi e motivazioni. Alla fine riescono a ricostruire quello che è successo e anche ad individuare quattro delle persone appartenenti al gruppo degli assalitori, tutti filippini. Tra questi anche l’accoltellatore, G.O., di 43 anni. Che però, nel frattempo, era scappato.

L’arresto. Gli investigatori non si arrendono. Si appostano sotto casa e nei luoghi frequentati dal filippino. E alle fine martedì sera lo vedono: sta in un

ristorante del centro storico. Nel frattempo viene eseguita una perquisizione domiciliare a casa dell’aggressore: e qui gli agenti trovano lo stiletto usato da G. O. per l’accoltellamento. L’uomo viene arrestato su disposizione della procura.

L’odio razziale. Il filippino ora si trova a Regina Coeli, mentre la polizia sta cercando di ricostruire i motivi del sanguinoso raid che, però, sembrerebbe causato da odio razziale tra le varie etnie.

es_ES
it_IT
en_US