Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
3 ago

Roma, minaccia la moglie di gambizzare il suocero e le estorce 140 mila euro: arrestato

Per anni ha preteso e ottenuto dalla moglie dai 500 ai 1.000 euro mensili, il tutto sotto la minaccia di gambizzare il padre di lei. Quando la donna ha provato a parlare con il marito per chiudere questa situazione, l’uomo l’ha cacciata di casa insieme ai loro 3 figli. Anche dopo la separazione le intimidazioni sono continuate e, per alcuni mesi, la vittima, con il sostegno del padre, ha continuato a pagare fino ad arrivare a versargli, nel corso degli anni, un totale di 140.000 euro.

La svolta è avvenuta il mese scorso mentre due delle tre figlie erano in casa con il padre; il 60enne, impaziente di ricevere il “mensile”, ha usato le minori per aggiungere pressione. Questo episodio, insieme alle minacce dirette che l’estorsore ha fatto al suocero, hanno convito padre e figlia a rivolgersi alla polizia.

Le vittime hanno raccontato tutto agli investigatori del commissariato Fidene diretto da Francesco Bova, ed è proprio negli uffici di polizia che la donna ha ricevuto l’ennesima chiamata con le indicazioni per consegnare i soldi. Per questo che sarà l’ultimo incontro F.A. aveva scelto un bar del quartiere. I poliziotti in borghese hanno organizzato un servizio di appostamento mimetizzati tra la folla così, quando la vittima ha consegnato le banconote, uno degli agenti era di fatto a poco più di un metro di distanza. Immediate sono scattate le manette e sono stati recuperati i 400 euro.

Altre sorprese

sono venute dalla perquisizione efettuata a Mentana, nell’abitazione di F.A.: i poliziotti hanno sequestrato più di 500 cartucce per pistola, 10 per fucile, 3 passamontagna, una pistola a salve – replica di quelle in uso alle forze di polizia – e due placche identificative sulla cui provenienza sono in corso delle indagini. L’uomo è stato così arrestato sia per l’estorsione che per la detenzione delle munizioni e portato in carcere a Regina Coeli.

es_ES
it_IT
en_US