Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
29 set

Roma, nuovo sgombero al Baobab di via Cupa: via migranti e tende

Erano 98 questa mattina i migranti in via Cupa. Quando sono arrivati i blindati della polizia, i richiedenti “relocation” o protezione internazionale si sono messi in fila per essere portati in via Patini per l’identificazione. Una nuova operazione delle forze di polizia come avviene più o meno ogni due settimane da quando il Baobab, centro di accoglienza autogestito nel lembo di strada tra la Tiburtina e la Lega Lombarda, fu sgomberato nel dicembre 2015. Un secondo sgombero, stavolta della strada, era avvenuto a giugno. Ma i migranti, la grande maggioranza africani e in transito verso il nord Europa, hanno continuato ad arrivare e a fermarsi qui tra tende e materassi.

Stavolta è il terzo. La polizia, dopo aver caricato sui pulmini i migranti per l’identificazione, ha allontanato attivisti e cronisti da via Cupa e ha atteso l’arrivo dei mezzi dell’Ama per lo sgombero della strada da presidiare poi con i blindati.“Sono attualmente in corso le valutazioni delle singole posizioni, al termine delle quali, gli aventi diritto saranno ricollocati nelle strutture di accoglienza appositamente messe a disposizione – ha fatto sapere in un comunicato stampa la Questura -. La successiva verifica dei luoghi ha evidenziato una gravissima situazione di degrado che ha reso necessario richiedere l’intervento dei competenti uffici comunali per la bonifica e la pulizia dell’intera zona”.

Negli ultimi giorni si erano moltiplicate le proteste dei residenti e di un comitato di quartiere di Tiburtina legato alla destra. Il municipio II, inoltre, aveva votato un provvedimento in cui si chiedeva al Comune di attivarsi per riportare il decoro in via Cupa e trasferire i migranti in spazi più dignitosi come le Caserme di via Pietralata o le ex Dogane di San Lorenzo che non sono però di competenza municipale.

I volontari della ‘Baobab experience’ parlano però di “uno ‘sfratto’ senza che ci sia alcuna soluzione alternativa” dopo che il 14 settembre avevano denunciato come il Campidoglio avesse alzato bandiera bianca rispetto all’allestimento di un tendopoli a Tiburtina promessa entro il 15 agosto e svanita anche dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia. Una notizia che si era aggiunta a quella, segnalata da 19 sindacati e associazioni tra cui la Cgil e l’Arci, della sospensione per un mese delle richieste di asilo per smaltire le pratiche.

Nei mesi scorsi buona parte degli stranieri erano stati smistati tra centri Caritas al Pigneto e altre strutture di accoglienza. Ma gli

attivisti chiedono che anche a Roma venga allestito un centro per i migranti “transitanti”che non vogliono fermarsi nella capitale e non possono dormire in strada.

“Le tende che stanno portando via – conclusono i volontari – sono quelle donate dai cittadini, il cibo che stanno buttando è quello portato ieri da padre Konrad, l’elemosiniere del Papa” che ogni martedì e giovedì passa da via Cupa per offrire la cena ai migranti.

es_ES
it_IT
en_US