Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
25 mar

Roma, operazione antidroga a Tor Bella Monaca

Continuano senza sosta i controlli dei carabinieri della compagnia di Frascati nel quartiere di Tor Bella Monaca. I militari della stazione Roma Tor Bella Monaca hanno eseguito un nuovo blitz antidroga nella zona di via dell’Archeologia, tristemente nota quale piazza di spaccio, arrestando 7 persone, tutte italiani di età compresa tra i 20 e i 40 anni, già conosciuti alle forze dell’ordine.

I carabinieri hanno attentamente monitorato le attività di spaccio, riuscendo a disarticolare il consolidato ed efficiente meccanismo “pusher – vedette”, finalizzato a prevenire od ostacolare l’eventuale intervento delle forze dell’ordine e garantendo “l’impermeabilità” della zona di spaccio. In virtù di questi accorgimenti, i militari hanno, dapprima, arrestato 4 persone per spaccio, riuscendo a fermare oltre ai due pusher, anche la loro vedetta che operava da filtro con controllo costante e quasi “militare” del territorio, e il “pendolare” incaricato del costante approvvigionamento di dosi.

Così i militari hanno sequestrato 20 involucri di eroina del peso complessivo di 14 gr. e di 48 dosi di cocaina e “crack” per 25 grammi. L’attività ha, successivamente, consentito di accertare che, nonostante gli arresti eseguiti e il sequestro della droga, la banda era in grado di dare continuità delle operazioni di spaccio, grazie ad un efficientissimo sistema che permetteva l’immediata sostituzione delle persone fermate con altri pusher immediatamente allertati e prontamente reperibili all’evenienza.

A riprova di ciò, poco dopo, nella medesima piazza di spaccio, i carabinieri hanno proceduto all’arresto di altri due pusher, trovati in possesso di 23 dosi di cocaina per 13 grammi e di 20 dosi di cocaina per 9 grammi, Sequestrando una cospicua somma di denaro provento dell’illecita attività di spaccio. Nella circostanza, i carabinieri sono riusciti a fermare anche un giovane pregiudicato il cui compito consisteva nel monitoraggio dell’operato dei due pusher e nel prelievo e nella custodia del denaro da questi incassato. Il tribunale di roma, tenuto conto della gravità dei fatti e dell’accertata capacità criminale delle persone fermate, ha disposto per sei dei sette arrestati la misura cautelare degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

Il nucleo radiomobile, invece, in meno di mezz’ora, alle prime luci dell’alba, ha arrestato un 20enne e un 21enne, entrambi del Gambia, senza fissa dimora e con precedenti, che avevano scippato due passanti, in via Turati e in via Giolitti.

Il primo episodio è avvenuto intorno alle 4:50 in via Turati, dove il 20enne ha avvicinato alle spalle un 59enne italiano e dopo averlo scaraventato a terra e colpito con calci e pugni, gli ha portato via lo smartphone e del denaro contante che aveva al seguito. I Carabinieri sono giunti immediatamente sul posto ed hanno bloccato e arrestato il malvivente. La vittima è stata soccorsa e medicata presso il pronto soccorso dell’ospedale Umberto I dove gli è stata riscontrata la lussazione della spalla sinistra, con 20 giorni di prognosi.

Poco dopo, verso le ore 5:10, i Carabinieri di un’altra pattuglia del Nucleo Radiomobile

sono intervenuti in via Giovanni Giolitti dove l’altro cittadino del Gambia, di 21 anni, ha avvicinato una 40enne italiana che stava facendo una telefonata e, con una rapida mossa, dopo una piccola spallata, le ha sfilato il telefono dalle mani dandosi alla fuga. I militari lo hanno raggiunto e arrestato poco dopo, recuperando il telefono che è stato restituito alla vittima. Entrambi gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti, in attesa del rito direttissimo

es_ES
it_IT
en_US