Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
9 nov

Roma, parte la riqualificazione di via Garibaldi

Trecento giorni di lavoro per restituire splendore a via Garibaldi. Dopo un lungo iter iniziato nel novembre del 2013 il parlamentino del centro storico è riuscito a ottenere un milione 200mila euro per riqualificare la strada che collega Trastevere al Gianicolo: frequentata da romani e turisti fu realizzata tra il 1865 e il 1868 su progetto dell’ingegnere Federico Arcangeli. Per lungo tempo le tre rampe che tagliano i tornanti di Monte Aureo e che conducono alla Reale accademia di Spagna e al complesso monumentale di San Pietro in Montorio sono state abbandonate al degrado. Ma da giovedì gli operai sono al lavoro per riqualificare le “scogliere” e curare le alberature di Aliante e Cedro. L’intervento è articolato: oltre alla cura del verde, prevede la messa in sicurezza delle pareti di contenimento, il rifacimento delle caditoie in via Garibaldi, l’allestimento del marciapiede sul lato sinistro (in direzione del Gianicolo) con relativi dissuasori, la riasfaltatura di una delle strade più belle di Roma.

“Da trasteverina, oltre che da presidente del municipio, sono particolarmente soddisfatta dall’avvio di questo cantiere – sottolinea Sabrina Alfonsi – è un’opera che abbiamo fortemente voluto andando a cercare i finanziamenti e superando le difficoltà legate a un iter tecnico-amministrativo estremamente complesso a causa della frammentarietà delle competenze”. A dare il via ai lavori, insieme alla minisindaca c’erano anche l’assessore municipale ai Lavori pubblici, Jacopo Emiliani Pescetelli, il presidente della commissione Lavori pubblici, Stefano Marin, l’ex assessora competente, oggi titolare della delega al commercio, Tatiana Campioni.

E proprio Campioni, che ha seguito in prima persona la trafila per la stesura del progetto e il reperimento dei fondi comunali, rileva come si preveda anche “la realizzazione di un percorso pedonale protetto e sicuro per raggiungere dalla rampa di Monte Aureo, la latrina romana. Luoghi di valore storico e artistico che a breve potranno essere fruibili dal pubblico per la prima volta”.

L’intervento mira a risanare l’intera porzione di territorio tra piazza San Pietro in Motorio e la fontana delle Prigioni, su via Garibaldi. Nel mezzo, le tre rampe che tagliano il Monte Aureo. Dal punto di vista strutturale verrà risanata la muratura in tufo di fronte a via Mameli e San Pietro in Montorio, oltre al rinforzo della parete lungo via Garibaldi. Sul lato sinistro un nuovo marciapiede garantirà sicurezza ai pedoni. Verrà rimesso a nuovo il sistema delle caditoie, allestita un’area pedonale per la fermata del bus, risistemati i parcheggi su via Garibaldi e spostati i 9 cassonetti, come da tempo chiedevano i residenti.

Poi c’è la partita del verde. Verranno tagliati 20 alberi, 17 di “Aliente” e 3 “Cedro”, che con le loro radici mettono a rischio la sicurezza delle mura in tufo. Altri 15 sono secchi e andranno rimossi anche loro, insieme a 30 arbusti che complicano il passaggio lungo le rampe. Non solo. Verrà anche riordinato il posteggio dei mezzi Ama e bonificata la discarica di rifiuti al centro dell’ultimo tornante prima della fontana delle Prigioni, creata da un senzatetto, che sarà preso in carico dai servizi sociali.

“Attendevamo quest’opera da tanto tempo – afferma Luana Piastra, del comitato “Trastevere Attiva” – abbiamo seguito tutto l’iter della pianificazione facendo tra raccordo tra la cittadinanza e il municipio”. Presto le tre rampe su Monte Aureo potrebbero

essere prese in adozione proprio dai cittadini. Intanto però “vigileremo settimanalmente sulla buona riuscita del cantiere”, assicura Pescetelli. Insieme a lui lavorerà Marin, che già nel 2009 presentò in consiglio un atto per il restyling.

“Un intervento che mira non solo a ripristinare il decoro che merita la zona – fa notare Alfonsi – ma che promuove la mobilità sostenibile e risolve i problemi legati al traffico”.

es_ES
it_IT
en_US