Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
13 feb

Roma, partita finale su Tor di Valle: ultimo ritocco al progetto per strappare il via libera M5S

Dentro o fuori, senza ulteriori possibilità d’appello. La partita sul nuovo stadio della Roma si chiude oggi: se al termine dell’ennesimo vertice sull’impianto che il club giallorosso vorrebbe realizzare a Tor di Valle non ci sarà intesa tra le parti, il progetto è destinato a naufragare.

La delegazione dell’As Roma è arrivata a palazzo Senatorio intorno alle 14. Sono entrati in Campidoglio il dg dell’As Roma Mauro Baldissoni accompagnato dal costruttore Luca Parnasi e da Simone Contasta, project manager della società di Parsitalia, la società di Parnasi che incontreranno una delegazione dell’amministrazione capitolina.

La Roma e Parnasi avevano richiesto la presenza della sindaca Virginia Raggi al vertice decisivo perchè i proponenti volevano che l’inquilina di Palazzo Senatorio si prenda la responsabilità della scelta. Qualsiasi essa sia. Ma a quanto si apprende al tavolo non siederà Raggi ma il vicesindaco Luca Bergamo e alcuni consiglieri. La scorsa volta hanno partecipato il capogruppo del M5s Paolo Ferrara e il presidente dell’aula Marcello De Vito.

Il presidente romanista James Pallotta e il costruttore Luca Parnasi ritengono di aver fatto di tutto per venire incontro alle richieste del Campidoglio M5S. Ieri i progettisti dei proponenti si sono presentati al tavolo tecnico convocato all’Eur, nella sede del dipartimento Urbanistica, con la loro ultima offerta: un taglio “dinamico” delle cubature, articolato in più parti, per tentare di superare lo scetticismo della giunta Raggi e accontentare gli ingegneri e gli architetti capitolini.

Alla fine – ma la certezza si avrà soltanto oggi – il progetto del Colosseo bis e del business park, 345mila metri quadrati di uffici e negozi alla periferia Sud della capitale, dovrebbe restringersi del 22 per cento, massimo del 28. A patto, ovviamente, che arrivi il via libera dell’amministrazione grillina.

Tutti i dubbi che le parti hanno maturato negli utlimi mesi sull’esito della trattativa sono ancora legittimi. Buona parte della base pentastellata, ad esempio, continua a spingere per il “no”. “Co ‘o stadio de sta squadra a’o sprofonno, er Movimento arischia de toccacce er fonno” , è il sonetto con cui Massimiliano Morosini, consigliere grillino del municipio VIII, ieri è tornato a chiedere una consultazione online su Tor di Valle. Il nuovo corso possibilista della giunta Raggi cozza con anni di lotte, condite da esposti e post sul blog di Beppe Grillo. È proprio al garante del M5S, allora, che gli attivisti hanno deciso di rivolgersi: “Facce vota’”. Sul suo sito, oppure su una piattaforma aperta a tutti i romani.

Nel frattempo, la Regione resta in attesa delle determinazioni del Campidoglio. Con un occhio al calendario: se oggi arriverà il “sì” sulla nuova arena giallorossa, bisognerà fare in fretta. La Roma dovrà rivedere il progetto come stabilito con il Comune, senza dimenticare le prescrizioni contenute nel parere negativo rilasciato dal dipartimento Urbanistica. La giunta Raggi dovrà intanto discutere la variante

al piano regolatore (che in quell’area prevede un terzo delle cubature previste dal progetto su cui in era Marino arrivò la dichiarazione di interesse pubblico) e poi portarla in aula Giulio Cesare. Una corsa contro il tempo per non perdere un affare da 1,7 miliardi: la conferenza dei servizi chiuderà il 3 marzo. Altra scadenza da dentro o fuori, perché l’ulteriore richiesta di deroga a cui starebbe lavorando il Campidoglio difficilmente sarà accolta.

es_ES
it_IT
en_US