Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
17 feb

Roma, Processo Spada, sit-in per Angeli

Un presidio di solidarietà alla cronista Federica Angeli. L’appuntamento è per domani alle 11, in piazzale Clodio davanti al tribunale di Roma. «Ancora una volta i rappresentanti dei giornalisti italiani si ritroveranno insieme per far sentire alla collega che non è sola e schierarsi dalla ‘parte civile’ dei giornalisti e del diritto dei cittadini ad essere informati » spiegano in un comunicato la Fnsi e Ordine.

La mobilitazione è stata lanciata dalla Federazione nazionale della Stampa italiana e Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, d’intesa con Articolo 21, Usigrai, Rete NoBavaglio, Ordine dei giornalisti del Lazio e Associazione Stampa Romana. Il sit-in si svolgerà davanti palazzo di Giustizia per esprimere vicinanza alla giornalista di Repubblica Federica Angeli, chiamata a testimoniare nell’ambito del processo sulle minacce subite durante un’inchiesta svolta dalla cronista sulle infiltrazioni mafiose sul litorale romano e il business delle concessioni demaniali che vede tra l’altro sotto accusa un membro della famiglia Spada.

Federica Angeli è costretta da 4 anni a vivere sotto scorta per via delle minacce ricevute dopo aver pubblicato alcune inchieste di denuncia sugli affari della famiglia Spada a Ostia. « Ancora una volta i rappresentanti dei giornalisti italiani si ritroveranno insieme per far sentire alla collega che non è sola — si legge in una nota congiunta della Federazione della Stampa e dell’Ordine dei Giornalisti – Come in tutti i casi di aggressioni o minacce ad un cronista, anche in questa volta saremo dalla ‘parte civile’ dei giornalisti e del diritto dei cittadini ad essere correttamente informati».


“Lunedì 19 febbraio alle ore 11.00 parteciperò al sit-in a Piazzale Clodio promosso da Articolo 21, Fnsi,No Bavaglio,Usigrai, Stampa Romana e OdG Lazio per esprimere solidarietà e affetto a Federica Angeli che, nel corso della mattinata, sarà ascoltata come teste al processo contro Armando Spada responsabile di minacce e violenza privata nei confronti della giornalista. Federica Angeli è costretta a vivere sotto scorta dal luglio 2013 per aver fatto il suo lavoro di cronista con rigore e coraggio e aver raccontato mirabilmente gli intrecci mafiosi e corruttivi del litorale romano. Non possiamo abituarci all’idea che ciò sia normale.Non possiamo lasciarla da sola davanti agli esponenti dei clan che ha avuto il coraggio di denunciare”. Lo dichiara in una nota Gianpiero CioffredI, Presidente Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità.

“È doveroso essere presenti lunedì a Piazzale Clodio – aggiunge – perché quando un giornalista viene minacciato come è avvenuto a Ostia la democrazia viene ferita mentre il diritto dei cittadini ad essere informati subisce una grave lesione. E’ doveroso stare al fianco di Federica perché in ballo c’e’ la solidarietà ad una brava giornalista ma anche la libertà di stampa che rappresenta l’ossigeno della democrazia. È importante partecipare al sit-in di lunedì perché gli spazi liberati a Ostia dalla straordinaria attività di contrasto alle mafie da parte delle Forze di Polizia e della Magistratura devono essere riempiti dal protagonismo dei cittadini e dal dolce sapore della libertà. La Regione Lazio in questi anni si è

sempre costituita parte civile processi contro i clan che hanno saccheggiato la comunità di Ostia ed è stata sempre accanto ai giornalisti e ai tanti cittadini che in questi anni hanno costruito percorsi di legalità e riscatto civile. Spero che lunedì saremo in tanti a fare la scorta mediatica per Federica con l’auspicio che tutte le altre Istituzioni raccolgano l’appello promosso da tutte le associazioni dei giornalisti”.

es_ES
it_IT
en_US