Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
25 nov

Roma, Raggi: “Revocata nomina a indagata: solo fango prima del referendum”

“Si avvicina il referendum e cercano di nuovo di infangarci. È la solita tecnica per distogliere l’attenzione, ma significa anche che hanno paura di perdere. Voglio, però, fare un po’ di chiarezza. Tutto ha un limite”. Così la sindaca Virginia Raggi ha commentato sulla sua pagina Facebook le ultime polemiche che hanno investito la sua amministrazione e le notiziea proposito di indagini aperte sulle nomine del Campidoglio. “Si vuol far passare l’idea che la nostra giunta non sia trasparente – continua Raggi – che abbiamo qualcosa da nascondere o che ci sia qualcosa di opaco. Non ci stiamo. Non è così”.

E la sindaca annuncia che sarà revocata la delega alla gestione dei finanziamenti pubblici per la riqualificazione urbana alla dirigente comunale Vittoria Crisostomi, dicendosi anche pronta ad avviare eventuali azioni disciplinari nei suoi confronti. “Oggi veniamo a sapere – spiega – che ci sarebbe un’indagine in corso a suo carico. Bene. Per prima cosa le sarà revocata la delega, ma non basta. Abbiamo già avviato indagini interne per approfondire sulla non corrispondenza al vero della dichiarazione resa. Se dovesse emergere che la sua dichiarazione sull’assenza di indagini in corso sia falsa, ricorreremo a tutti gli strumenti giudiziari e disciplinari del caso. Nessuno sconto”.

“Alcuni media – prosegue Raggi – vogliono far credere che, per chissà quali motivi, abbiamo voluto dare un incarico a una persona indagata, Vittoria Crisostomi, e, come se non bastasse, che questa persona farebbe parte del mio staff e non sia, come è in realtà, una dipendente dell’amministrazione. I nostri delatori si riferiscono a un incarico amministrativo che è stato dato a una dirigente assunta, tra l’altro, dal Comune di Roma anni e anni fa. Nella riorganizzazione della struttura amministrativa che abbiamo realizzato poche settimane fa, proprio in base alle norme anti-corruzione che abbiamo voluto applicare per dare un segnale di rottura con il passato, questa persona aveva chiesto l’assegnazione a un ruolo apicale. Non le è stato concesso. E’ rimasta nella struttura dove era stata collocata nel 2015 dal commissario straordinario Tronca. Nessuna promozione, quindi, come qualcuno vorrebbe far intendere”.

La Raggi conclude: “Voglio che sia chiaro un altro aspetto. Su tutte le nomine necessarie a lavorare per realizzare la giunta abbiamo proceduto attenendoci alla legge: per essere sicuri che tutto fosse fatto regolarmente, nei casi dubbi abbiamo sempre chiesto il parere legale dell’Avvocatura capitolina e, quando abbiamo avuto qualche ulteriore perplessità, ci siamo rivolti all’Autorità nazionale Anti-Corruzione che è un presidio autorevolissimo in materia e che ha già avuto modo di esprimersi, bloccando proprio quell’unica nomina sulla quale anche io avevo espresso forte preoccupazione, nonostante un parere dell’Avvocatura”.

La sindaca interviene poi sulla newsletter pubblicata oggi sul sito del Campidoglio, nella sezione “La sindaca informa”, per elencare le attività della giunta e le misure prese dall’amministrazione. “Grazie a una linea di finanziamento aperta con Cassa Depositi e Prestiti – scrive – abbiamo stanziato oltre 47 milioni di euro per la messa in sicurezza delle scuole in tutti i municipi”. E prosegue sui fondi per la città: “Siamo riusciti a salvare tutti i fondi inizialmente stanziati per il Giubileo e abbiamo aggiunto risorse: sia per restituire pienamente ai cittadini piazza Vittorio, con 375mila euro oltre ai 2,5 milioni in programma, sia per riqualificare l’Appia

Antica, con altri 200mila euro oltre a 1,35 milioni già previsti”.

Infine, Raggi comunica “una buona notizia per i nostri circa 23mila dipendenti capitolini. Ieri in busta paga hanno trovato finalmente la quota B del salario accessorio. Le precedenti amministrazioni si sono limitate ad annunci e promesse. Noi da quattro mesi abbiamo lavorato in maniera serrata e a pancia a terra su questo tema. E oggi siamo qui a rivendicare questo importante risultato”.

es_ES
it_IT
en_US