Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
30 nov

Roma, scaduta l’ordinanza i centurioni tornano al Colosseo

Le armature negli zaini, “le tasche vuote”: scaduta l’ordinanza comunale siglata il 20 luglio i centurioni, in mattinata, non sono tornati a presidiare il Colosseo. Maurizio, Mauro, Ermenegildo, hanno scelto la terrazza di largo Gaetano Agnesi far sentire la loro voce e lanciare un messaggio all’amministrazione: “Metteteci in regola e fateci pagare le tasse, magari attraverso un bando pubblico che ci dia modo di esercitare nella legalità. Vogliamo trovare insieme all’amministrazione un modo per regolarizzarci”. Dopo una lunga attesa, Maurizio Di Noia, 37 anni, centurione dal 1993, alle 14. decide di indossare elmo e calzari e provare ad avvicinarsi all’anfiteatro Flavio. Durante i primi istanti di lavoro si racconta. “Oggi sono tornato qui per bisogno. Non voglio impietosire nessuno, ma ho solo quattro euro in tasca e due figli da mantenere. La gente è’ convinta che noi ci arricchiamo ma non è’ affatto così, anzi”.

Più volte si è detto dell’insistenza di alcuni centurioni verso i turisti. “Io rispondo per me stesso e per il mio lavoro- dice ancora Maurizio- non ho mai chiesto 20 euro a foto, potete spiarmi quanto volete, i turisti con me non sono mai truffati. Il mio soprannome è Maurizio ‘tip’, che vuol dire mancia, perché chiedo solo offerte libere. Ma se tra di noi ci sono persone che non lo fanno, allora bisogna mettere delle regole e pretendere che vengano rispettate. Ecco perché il Comune dovrebbe agire in questo senso e non con le solite ordinanze”. Dopo la firma della prima ordinanza anti- gladiatori, nel dicembre scorso, Maurizio ha deciso espatriare in Olanda per mantenere la famiglia: “Non trovavo nessun altro lavoro. Ho venduto quel poco che avevo e sono partito – dice – ho lavorato in fabbrica sei mesi, poi sono tornato per stare vicino alla famiglia. A luglio quando hanno prorogato l’ordinanza ho trovato lavoro come facchino in un carico e scarico merci: mi pagavano 5 euro lorde l’ora, non era sostenibile”.

Maurizio come i suoi colleghi ha il permesso di artista di strada e ai domanda: “Spiegatemi il motivo per cui posso vestirmi in ogni modo, anche da alieno come ho fatto domenica scorsa in via dei Fori Imperiali, ma non da centurione. Non e’ sempre un costume? Che cosa cambia? Che legge è che mi vieta di travestirmi da centurione?”. E’ la stessa domanda reiterata anche Ermenegildo Ferretti, 51 anni, una vita trascorsa come venditore ambulante in Inghilterra,

“finché 5 anni fa non sono tornato perché mi mancava il mio paese dopo un divorzio – spiega – ho conosciuto Maurizio e ho iniziato a fare il gladiatore. Alla mia età nessuno ti prende a lavorare, per questo adesso sono costretto a vivere in roulotte”. Così sei centurioni nel pomeriggio sono tornati al Colosseo, sgombero dai risciò, ma assediato da procacciatori di turisti e venditori ambulanti abusivi.

es_ES
it_IT
en_US