Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
1 nov

Roma, scarse condizioni igieniche: chiuso il mercato di piazza Vittorio

Chiuso il mercato di piazza Vittorio all’Esquilino. La Asl, dopo diversi ultimatum agli operatori degli storici banchi multietnici, ha deciso di mettere i sigilli per carenze igieniche. La storia inizia lo scorso marzo, quando l’azienda sanitaria dopo alcune verifiche impone all’associazione di mettere in regola il mercato. Tra proroghe e verifiche del dipartimento Commercio, si arriva al 4 ottobre quando i lavori dovevano essere finiti. Nulla di fatto, gli esercenti chiedono ancora una proroga al 31 ottobre. La Asl intanto il 27 ottobre fa un’ordinanza di chiusura e i vigili eseguono il diktat mettendo i sigilli lunedì pomeriggio alle 18, al termine della giornata di lavoro.

Oggi i tecnici stanno verificando le condizioni del mercato, gli operatori si sono chiusi in una riunione fiume da questa mattina. “Siamo felici di avere quel mercato nel rione Esquilino – spiega Sabrina Alfonsi, presidente del municipio I – ma deve diventare un gioiello come Testaccio, non tenuto in quelle condizioni. C’è bisogno che dipartimento riunisca tutti gli operatori per decidere come intervenire”.

Gli operatori protestano: “L’adeguamento spettava al Comune non a noi”. Stamani i titolari dei 133 banchi alimentari si sono radunati nei pressi mercato per capire l’evolversi della situazione. I mattinata si è svolta anche una riunione con il presidente della commissione commercio del Comune, Andrea Coia: “Ho informato l’assessore Meloni – dice – già venerdì scorso avevo inviato la prima documentazione. L’adeguamento c’è stato, la situazione dovrebbe rientrare”.

Il presidente della cooperativa Co.Ri.Me, che riunisce i lavori, ripercorre così le tappe della vicenda. “Sessanta giorni fa la Asl ci ha chiesto di mettere le tende agli ingressi contro i piccioni e di innalzare le pareti divisorie dei bagni fino al soffitto. Le tende le abbiano sistemare un mese fa. Mentre i lavori ai bagni li abbiamo iniziati il 28 ottobre (la Asl era tornata a verificare il 27) e si sono conclusi oggi, ma lunedì

hanno messo i sigilli”.

Nel pomeriggio, alle 16, si attende la nuova ispezione della Asl e la riapertura. “Altrimenti ci faremo sentire – promettono gli operatori – perdiamo soldi ogni giorno”. Il Comune “all’epoca di Marino aveva stanziato 100mila euro per i lavori – aggiunge Pompeo – si era conclusa la gara ma poi l’affidamento è stato ritirato per non precisati motivi e da allora non abbiamo saputo più nulla”.

es_ES
it_IT
en_US