Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
3 lug

Roma, sequestrarono minori per debito del padre-pusher, arrestati

“Mo se entro 20 minuti non venite giù li brucio, gli meno…te lo giuro sui miei nipoti…”. Così M. R., 20 anni, minacciava il padre dei due ragazzini di 12 e 14 anni che aveva appena rapito, il 29 maggio 2015, all’uscita di scuola, per costringere l’uomo a saldare un debito di droga di 50mila euro. Coinvolto nel sequestro sarebbe anche un altro ragazzo, anche lui arrestato dai carabinieri del nucleo investigativo di Frascati.

Si tratta di due spacciatori pregiudicati di Tor Bella Monaca: il rapimento sarebbe avvenuto in accordo con il fratellastro dei minorenni. Il padre dei rapiti, pusher della stessa organizzazione di cui facevano parte i due arrestati, aveva un debito di 50mila euro. Dopo alcune ore e dopo aver ricevuto garanzie da altri componenti della famiglia – che si impegnarono affinché il debitore versasse subito una somma in contanti e la restante parte la saldasse attraverso l’attività di spaccio che avrebbe svolto, a titolo gratuito, per conto dei suoi creditori – i due bambini erano stati liberati.

I due sequestratori si

trovavano comunque già in carcere, arrestati qualche giorno dopo l’episodio nell’ambito di una vasta operazione dei carabinieri che sgominò il gruppo criminale che gestiva lo spaccio di stupefacenti a Tor Bella Monaca. Oggi è stato arrestato anche lo zio dei due bambini sequestrati per aver illecitamente detenuto in casa una pistola con cui voleva vendicarsi per quanto fatto ai nipoti. Anche lui si trovava già agli arresti domiciliari per un’altra causa.

es_ES
it_IT
en_US