Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
29 dic

Roma, stella del calcio turco denunciata per truffa ad ambulante. “ Mi ha pagato due ombrelli con 50 euro falsi”

Pacco e contropacco. All’ombra del Colosseo, lo dice la storia, è successo davvero di tutto. Imperatori, gladiatori ( gli originali e le copie che vanno a caccia di turisti e di selfie a pagamento nonostante le ordinanze del Campidoglio) e vandali. Certo è che lo strano caso davanti a cui si sono ritrovati ieri i vigili urbani, cortocircuito di nazionalità e banconote, ha davvero dello straordinario. Come altro potrebbe essere definita la denuncia per “spendita e introduzione nello Stato di euro contraffatti” a carico di un giovane talento della serie A turca?

Tutto inizia intorno alle 11 del mattino. Erdi Sehit, 21enne talento del Fenerbahçe, stratitolato club di Istanbul è a spasso con il suo procuratore. Su Instagram, giovedì sera, ha postato una foto sulla scalinata di piazza di Spagna. Insomma, il centrocampista ora in prestito al Gençlerbirligi di Ankara, è in vacanza a Roma per le feste natalizie. In visita all’anfiteatro Flavio, il giocatore si avvicina a un venditore abusivo, tira fuori 50 euro e acquista due ombrelli. Il caso vuole che ad assistere allo scambio siano i caschi bianchi del Gssu agli ordini del comandante Lorenzo Botta. Il blitz è immediato: la merce del commerciante ambulante finisce sotto sequestro. Ed è qui che il giovane africano si accorge di essere stato appena truffato.

Passa la banconota tra le mani, si accorge che qualcosa non va: “Voi portate via i miei ombrelli? E a quei due che hanno pagato con 50 euro falsi invece non dite niente?” . La rincorsa dei pizzardoni è breve: i due turchi, calciatore e procuratore, restano di stucco. Erdi Sehit, con la sua lunga chioma biondo cenere e jeans di marca, si sbraccia: “Ma non è possibile! Cosa dite? Io sono stato anche in nazionale under 16, non faccio certe cose”.

I poliziotti della municipale lo hanno ascoltato a lungo, hanno provato a calmarlo e si sono assicurati che non avesse altre banconote contraffatte. Poi — la legge è uguale per tutti, pure per le star pallonare — hanno preso tutti i dati del giocatore e del suo tutor. I due dovranno munirsi di avvocato

e chiarire tutto al pm a cui saranno trasmessi gli atti nelle prossime ore. La stessa trafila, due anni fa, era toccata a un altro collega del turco. I carabinieri avevano pizzicato Blagoy Georgiev, bulgaro allora in forza al team russo del Rubin Kazan, mentre incideva le sue iniziali con una moneta su una colonna al piano terra del Colosseo. Dove un tempo si sfidavano i gladiatori, oggi sono i calciatori — diretti eredi nel mondo dello spettacolo — a rischiare di perdere la faccia.

es_ES
it_IT
en_US