Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
15 mar

Roma, studenti in platea per lo show sul Giudizio Universale

Sono oltre 12.700 tra docenti e studenti a essersi già iscritti al progetto didattico per scoprire e vivere la Cappella Sistina attraverso lo spettacolo “Giudizio Universale. Michelangelo and the secret of the Sistine Chapel” di Marco Balich (la co-regia è di Lulu Helbek) – in scena all’Auditorium della Conciliazione fino al 31 maggio – con musiche di Sting, voce di Pierfrancesco Savino e con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani. Perché per le scuole lo stupore non si esaurisce con la messa in scena.

Artainment Worldwide Shows e Fondazione Bracco, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, hanno infatti pensato a un progetto educativo collegato proprio allo spettacolo che svela storia e segreti della Cappella Sistina. Seguendo quattro percorsi didattici multidisciplinari – artistico, storico, sociale e professionale – il progetto Atainment@School si sviluppa in tre fasi: la prima è teorica, con attività da svolgere in classe; la seconda è esperenziale e consiste nella visione dello spettacolo; la terza è pratica e prevede la produzione di un elaborato digitale o analogico sui contenuti proposti. Il tutto dopo aver ricevuto l’ArtKit pensato da Fila, che è stato donato a ogni classe. I progetti saranno poi condivisi sul portale web e nel digital corner del foyer dell’Auditorium.

“Vedere così tanti ragazzi incuriositi dall’arte di Michelangelo quasi mi commuove”, spiega Diana Bracco, che questa mattina ha salutato gli studenti presenti all’Auditorium della Conciliazione per il primo spettacolo dedicato alle scuole. “L’amore per il bello deve essere coltivato fin dall’infanzia”, ha aggiunto ad alunni di ogni età. Soddisfatto dell’iniziativa anche il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, secondo cui “vanno intercettate anche le scolaresche straniere in viaggio d’istruzione a Roma, perché questo show è un’occasione da non perdere”. “Ma anche un modo per far scoprire meglio i segreti della Cappella Sistina – ha aggiunto Barbara

Jatta, alla guida dei Musei Vaticani – Si tratta di un luogo sacro e lì dentro non si può avere l’opportunità di una guida che spieghi tutto nei dettagli”. L’augurio dell’autore dello show, Marco Balich, è che nessun ragazzo tirasse fuori il cellulare e si godesse appieno lo spettacolo. Detto fatto: bimbi e ragazzi erano col naso fisso su schermi, luci, colori, corpi danzanti, proiezioni 3D, giochi d’arte ed effetti speciali da “wow”.

es_ES
it_IT
en_US