Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
20 dic

Roma, terrorismo: è allarme rosso. Sorvegliate speciali le strade dello shopping

Il tir lanciato a tutta velocità su un mercatino di Natale a Berlino come in un effetto domino fa sentire tutta la sua potenza distruttiva anche nella capitale. Ieri il ministro dell’Interno Marco Minniti dopo una riunione straordinaria del Casa (Comitato di analisi strategica antiterrorismo), che si è tenuta al Viminale, ha diramato una direttiva a tutti i prefetti e questori. Chiedendo di rafforzare i controlli nelle aree di maggiore afflusso di persone in occasione dello svolgimento di eventi o cerimonie previste per le prossime festività natalizie nonché verso luoghi che notoriamente registrano particolare afflusso di visitatori.

Roma non arriva impreparata. Dopo la macchina messa in moto per il Giubileo, che ha funzionato bene facendo scorrere l’evento senza incidenti di rilievo, la questura di Roma già qualche giorno fa ha dato il via, dopo un tavolo tecnico presieduto dal questore Nicolò D’Angelo, al piano “Natale sicuro”, rafforzato in queste ore proprio dall’emergenza terrorismo.

E se a livello nazionale il Casa sarà riunito in seduta permanente, i prefetti convocheranno, in ambito provinciale, riunioni del comitato per l’ordine e la sicurezza per valutare eventuali segnali di rischio. Che in una città come Roma certo non mancano.

Il piano “Natale sicuro” prevede undici punti per rafforzare la sicurezza e portare al massimo l’allerta. Tra le misure, un piano coordinato tra le centrali operative della polizia e dei carabinieri, che in sinergia cercheranno di garantire maggior controllo a partire dalle periferie, solitamente svantaggiate. Il centro storico resta un sorvegliato speciale, soprattutto nelal zona del Tridente, tra Pantheon, piazza Navona, piazza Risorgimento, fontana di Trevi, piazza del Popolo, piazza di Spagna, anche grazie all’impiego di militari che contribuiscono ancora, come già durante il Giubileo, al presidio delle aree più a rischio. Altra misura messa in atto durante il Giubileo che resta tuttora valida è quella del servizio di sicurezza nell’area di San Pietro, con la pedonalizzazione di via della Conciliazione e i relativi controlli con metal detector e rapiscan per i fedeli che accedono alla piazza.

E mentre la questura chiede che vengano aumentate le aree pedonalizzate come via della Conciliazione, oggi si riunisce il comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che forse darà il via libera

all’estensione ad altre aree della chiusura al traffico.

Per la prima volta quest’anno tutto il centro storico è pattugliato da agenti di polizia in sella alle biciclette, che il centro commerciale Porte di Roma ha messo a disposizione della questura. E proprio a centri commerciali è dedicato un piano specifico con sistemi di monitoraggio dell’afflusso, mentre bed &breakfast, case vacanze ed esercizi ricettivi saranno tenuti strettamente sotto controllo.

es_ES
it_IT
en_US