Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
7 mar

Sciopero generale a Roma, chiuse le metro A e B. Traffico paralizzato

Cortei, sit-in, assemblee nelle piazze, nelle scuole, negli ospedali e nelle università per dire basta alla violenza degli uomini contro le donne e affermare con forza i diritti dell’universo femminile. Lo sciopero di 24 ore di oggi, che interessa sia il settore pubblico che quello privato e a cui hanno aderito diverse sigle sindacali, è cominciato con le metro A, B e Roma-Lido che alle 8.30, finita la fascia di garanzia, hanno effettuato le ultime corse e poi sono state chiuse. Riaperta la C con possibili ritardi. Fortissimi i disagi alla circolazione, nonostante l’apertura dei varchi della ztl del centro. Luceverde segnala code sulla Tangenziale Est tra Tiburtina e Castrense San Giovanni, tra via Salaria e la Cassia Bis in carreggiata esterna, oltre che sul Raccordo Anulare tra via della Pisana e Ostiense e sulla Pontina all’altezza di Castel Romano.

La mappa delle manifestazioni e degli scioperi

Chiusa per manutenzione la Termini-Centocelle (fino al 12 marzo), mentre la Roma-Civita-Viterbo è attiva con riduzione di corse, così come i tram e i bus. Possibili cancellazioni di corse anche per i mezzi della rete Roma Tpl e Cotral. Ferrovie dello Stato fa sapere che le Frecce partiranno regolarmente. Il servizio, oltre che fino alle 8.30, sarà garantito durante la fascia di garanzia dalle 17 alle 20, ma non sarà garantito il servizio dei bus notturni e della linea 913.

Asili chiusi “A Roma ci risultano molti asili nido e scuole dell’infanzia chiuse per lo sciopero dell’8 marzo. Non ancora abbiamo i dati ma sappiamo che l’adesione è molto alta. Stessa cosa per Alitalia, in particolare nel settore di terra e operaio. Stanno manifestando anche i lavoratori esternalizzati del Pertini, e sotto la Regione Lazio ci sono oltre 500 manifestanti per rappresentare le vertenze del lavoro soprattutto nella sanità, nei centri antiviolenza e contro l’obiezione di coscienza che nel Lazio raggiunge l’80%”. Lo afferma Licia Pera dell’Usb interpellata in merito. “Lo sciopero sta andando molto bene nel settore scolastico educativo, che è quello a più alta concentrazione di lavoro femminili, soprattutto nei nidi e nelle scuole dell’infanzia di Roma”, afferma pure Roberto Betti, del sindacato generale di base Sgb. “Stamattina abbiamo fatto come Sgb un presidio al San Camillo, un gesto di solidarietà per l’ospedale che assume medici non obiettori”, aggiunge Betti. A Trastevere, presidio delle maestre e delle educatrici in piazza San Cosimato.”La piazza della formazione a Roma è già piena – affermano gli organizzatori – La lotta alla violenza parte da qui, dalle scuole”.

A Casal Boccone la manifestazione dei l8 marzo avoratori di

Almaviva presso la sede dell’azienda in via di Casal Boccone. All’iniziativa partecipano anche i blocchi precari metropolitani che scrivono su Twitter: “Abitare un mondo senza violenza: casa, reddito, dignità! #LottoMarzo insieme alle lavoratrici licenziate #Almaviva #scioperodelledonne”. A quanto riferito al presidio partecipano circa cinquanta persone. Sul posto la polizia di Stato. Al via il corteo degli studenti alla Sapienza

es_ES
it_IT
en_US