Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
18 feb

Stadio Roma, Raggi: “Lo vogliamo ma nel rispetto della legge”. I proponenti: “Pronti ad azioni legali”

La sindaca torna a parlare del progetto dello stadio della Roma a Tor di Valle. “La Soprintendenza all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ha comunicato al Comune l’avvio di dichiarazione di interesse culturale sull’ex ippodromo”, dice Virginia Raggi ricordando quindi che “si tratta dell’area indicata per la realizzazione dello stadio, ci sono quindi nuovi elementi che incidono sulla valutazione e realizzazione del progetto che in queste settimane è oggetto di verifica da parte del Comune. Come abbiamo sempre detto, vogliamo che la Roma abbia uno stadio ma nel rispetto della legge”.

Dura la risposta dei ‘proponenti’ che senza mezzi termini si dicono pronti ad “avviare ogni possibile azione di tutela del progetto”. “Non possiamo esimerci – spiegano – dall’evidenziare come sia particolarmente singolare la tempistica di questo parere emesso dalla Soprintendenza”.

Nel comunicato si sottolinea tra l’altro che sin dal progetto preliminare dello stadio, così come era stato approvato, “era stata prevista la demolizione dell’ex Ippodromo, per le sue fatiscenti condizioni anche sotto il profilo statico, e la sua sostituzione con il nuovo stadio”. La soprintendenza si era già espressa sul progetto, si legge nella nota, e lo aveva fatto in modo completamente diverso da quello di oggi: “Anche nel parere reso in sede di VIA del 6.2.2017 – scrivono i costruttori – la menzionata soprintendenza, pur accennando al valore dell’ippodromo, non ha espresso alcun parere contrario alla sua demolizione, ribadendo invece le sue perplessità su temi vari, tra i quali visuali e indagini archeologiche preventive”.

Insomma l’ipotesi di un vincolo ‘culturale’ sulle tribune dell’ippodromo “non solo non è mai stata esternata in precedenza – prosegue la nota – ma anzi confligge con le valutazioni e i pareri resi nelle Conferenze di Servizi preliminare e decisoria in merito al progetto, basato sulla demolizione dell’ex Ippodromo e sulla realizzazione al

suo posto del Nuovo Stadio. Le tribune dell’ex Ippodromo di Tor di Valle sono identificate da tutti in modo inequivocabile come una struttura precaria e pericolante, in totale abbandono da anni, peraltro dimenticata anche dalla Soprintendenza stessa che non ha mai avviato alcuna azione a tutela per quell’area prima che noi valutassimo lo sviluppo di questo progetto. Nella struttura delle tribune sono, tra l’altro, presenti parti ricoperte di amianto”.

es_ES
it_IT
en_US