Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
27 feb

Studentessa cinese morta dopo lo scippo, gli aggressori non vanno in carcere: patteggiati due anni

Doppio patteggiamento per gli autori dello scippo ai danni di Yao Zhang, la studentessa cinese di 19 anni travolta da un treno lungo i binari della stazione di Tor Sapienza, mentre inseguiva i giovani che le avevano sottratto la borsetta. Per l’autore materiale del furto, Serif Seferovic, 20 anni, difeso dall’avvocato Gianluca Nicolini, il gup Tamara De Amicis ha disposto 2 anni di reclusione, con pena sospesa. Essendo incensurato tornerà quindi in libertà. Un anno e 6 mesi, invece, per Gianfranco Ramovic, il secondo giovane di etnia rom che ha preso parte allo scippo, distraendo la studentessa. Il giovane resterà agli arresti domiciliari perchè ha ricevuto altre condanne in passato. Entrambi sono stati condannati per furto con strappo.

Il terzo ragazzo che ha preso parte allo scippo, finito anche lui in manette nei giorni successivi al ritrovamento del corpo di Yao, risulta indagato dalla procura minorile.

Oggi in udienza i genitori di Yao Zhang, assistiti dall’avvocato Yang Adigen, non erano presenti perchè da poco ritornati in Cina. Ad ogni modo il patteggiamento è un rito alternativo che non permette la costituzione di parte civile.

Stando

alle indagini il 5 dicembre tre giovani di etnia rom, appartenenti al campo nomadi di via di Salone, hanno circondato la studentessa dell’accademia di Belle Arti all’interno della stazione di Tor Sapienza e poi, dopo averle sottratto la borsetta sono scappati lungo i binari. Yao li ha seguiti per un po’ salvo poi perdersi fra i convogli della stazione.

Proprio in quel momento è arrivato un treno che l’ha travolta, scaraventandola in un dirupo.

es_ES
it_IT
en_US