Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
7 feb

‘The italian job’, l’epopea degli emigranti italiani va in scena al Teatro Orione

Un atto unico fatto di monologhi, canzoni, immagini di repertorio, video, balletti e totalmente ispirato all’epopea dell’emigrazione italiana. The Italian Job è il titolo dello spettacolo che andrà in scena il 10-11-12 febbraio al Teatro Orione per la regia di Claudio Boccaccini e la produzione della Ettore Minore Production.

Gli attori che si alterneranno in scena sono Claudio Boccaccini, Euridice Axen, Francesco De Francesco, mentre musiche e testi sono stati scritti dal gruppo The Clockers ovvero Ray D’Antoni, autore, voce e chitarra, Angelo Molino tastiere e fisarmonica (il papà Mario è stato per decenni l’arrangiatore di Domenico Modugno) Mauro Sparkly Fiorina chitarre, RobMauro Munzi batteria, Anton Caleniuc basso. Un gruppo composta interamente da musicisti romani, ad eccezione del moldavo Caleniuc.

Per i Clockers, The italian job è il quarto lavoro dopo Summer of Love, Timeless, Love & Dirty Roads. La band ha ottenuto un discreto successo negli Stati Uniti dove un loro pezzo è stato scelto come sigla di un reality show molto poplare. E proprio negli Stati Uniti è nata l’idea di scrivere un’opera rock sull’emigrazione italiana nel ventesimo secolo, quando cioè erano gli italiani a vestire lo scomodo ruolo di extracomunitari. La scintilla è scoccata nella sala d’attesa dell’aeroporto Kennedy di New York dove i Clockers attendevano di imbarcarsi su un volo diretto a Roma dopo un tour negli States. Durante l’attesa prima del volo, i musicisti hanno incontrato un ottantenne italo-americano che stava

tornando definitivamente in Italia dopo oltre sessanta anni passati a lavorare negli Stati Uniti. Lo slang e i racconti dell’uomo hanno affascinato la band e suggerito l’idea di dare un suono, una melodia a quelle storie di sofferenza e di speranza.

L’obiettivo è ora quello di portare lo spettacolo in giro per il mondo: è già stata programmata una tournèe in Cina, mentre è in via di definizione un’altra negli Stati Uniti.

es_ES
it_IT
en_US