Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
29 ott

Tor Marancia, apre la casa per i papà separati

Un affitto da duecento euro al mese per un appartamento con soggiorno, angolo cottura, camera da letto e bagno. La Regione corre in aiuto dei papà separati che, in conseguenza della separazione, vivono in una situazione di disagio psicologico e economico. Molti padri, infatti, sono disoccupati o, se hanno un lavoro, spesso con lo stipendio non riescono a pagare gli alimenti ai figli, il muto della casa dove vivono con l’ex moglie e, allo stesso tempo, non ce la fanno a corrispondere l’affitto per una casa in cui vivere.

Il centro regionale Sant’Alessio, istituto leader nelle attività riabilitative per i ciechi, con il supporto della Regione Lazio, ha deciso di avviare il progetto “A casa con papà” per dare un alloggio temporaneo ai padri separati. I non vedenti avranno la priorità nella graduatoria, ma i cinque mini-appartamenti realizzati all’interno di un edificio in via di Santa Petronilla, nella zona di Tor Marancia, saranno disponibili anche per i padri vedenti. Il progetto è stato finanziato dalla Regione con uno stanziamento di trecentomila euro. “Questo progetto è uno dei migliori esempi di quante cose si possono fare se c’è la passione di guardare davvero ai bisogni delle persone. Si può cambiare e cambiare significa dare risposte ai problemi della gente” sottolinea il presidente del Lazio, Nicola Zingaretti.

Ogni alloggio sarà composto da un soggiorno con angolo cottura, una camera da letto e un bagno e gli appartamenti saranno consegnati già arredati e dotati di impianti domotici. «Ogni nucleo abitativo è servito da lavanderia, ripostiglio, palestra e ci sarà una sala comune per lo svago di genitori e figli» spiega Amedeo Piva, presidente del Centro regionale Sant’Alessio.

Per affittare le case si dovrà compilare un modulo (disponibile sul sito www.santalessio.org) che permetterà di accedere alla graduatoria e il canone sarà di duecento euro al mese, per un massimo di un anno. Inoltre, per i papà non vedenti sarà predisposto un percorso riabilitativo ed educativo,

così da favorire la capacità di orientamento nel proprio quartiere e rendere più semplice il raggiungimento del luogo di lavoro.

“Nei dodici mesi in cui potranno vivere negli appartamenti del Sant’Alessio – spiega Rita Visini, assessore alle Politiche sociali del Lazio – i padri separati avranno modo di costruire la propria autonomia economia e sociale, migliorando la propria condizione e il rapporto con i figli”.

es_ES
it_IT
en_US