Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
27 mag

Totti, il giorno dell’addio. All’Olimpico cori e striscioni: “Ciao Capitano”

Coreografie e cori in suo onore allo stadio, bandiere, maglie con il numero 10 e sciarpe giallorosse che pendono dalle finestre. Roma saluta così Francesco Totti che oggi, dopo 24 anni e due mesi di ininterrotta militanza in prima squadra, gioca la sua ultima partita con la maglia della Roma.

Olimpico sold out. L’effetto Totti-day ha portato lo stadio a riempiersi come non accadeva da oltre dieci anni: per la gara col Genoa sono arrivati in 67 mila, pronti a godersi la partita e la festa che la Roma ha preparato al Capitano a cominciare dal ‘Match Program’ celebrativo distribuito a tutti gli spettatori all’ingresso dello stadio, nel quale sarà presente tutta la famiglia del capitano romanista (genitori, moglie, figli e fratello). I cancelli sono stati aperti con largo anticipo (alle 15.30, due ore e mezza prima del fischio d’inizio della partita) al fine di rendere più agevole e rapido l’accesso all’impianto, ma resteranno chiusi al termine dell’incontro per motivi di ordine pubblico. L’appuntamento d’altronde è di quelli irripetibili, per questo a Trigoria sono arrivate richieste di accredito da tutto il mondo. Il match col Genoa viene seguito anche da Qatar, Giappone, Argentina, Messico, Iran, Stati Uniti e Brasile.

La curva sud ha salutato l’ingresso del Capitano con cartoncini gialli, rossi e arancioni e la scritta “Totti è la Roma”. Poi è partito il coro “C’è solo un capitano”. E lui non si è fatto pregare: ha aperto le braccia ed è corso sotto la sud. Il cielo del foro italico è stato solcato da un piccolo aereo da turismo con la scritta ‘Grazie capitano’. Poco prima, sulle note de “La leva calcistica” di Francesco de Gregori, sempre sul maxischermo, sono apparsi i primi visi di alcuni anonimi tifosi segnati dalle lacrime. Il n.10 giallorosso è entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull’1-1, sostituendo Salah

All’Olimpico anche la sindaca Raggi, il presidente della Regione Nicola Zingaretti, e quello del Coni Malagò. “Oggi all’olimpico per il Tottiday. Una grandissima emozione per tutta Roma. Grazie capitano!”, ha scritto su Twitter Virginia Raggi postando una foto con il Capitano. “Allo stadio Olimpico per salutare Francesco Totti, un grande campione e un grande uomo”, ha scrittosu Twitter il Presidente della Regione Lazio. Presente ovviamente anche il patron James Pallotta che – pur attendendo ancora una risposta dal n.10 riguardo al futuro – è sbarcato a Roma stamattina per premiarlo in campo dopo averlo visto giocare.

Il futuro. In che veste, se da dirigente o altro, sarà Francesco a chiarirlo la prossima settimana. Intanto anche il Trastevere, sua prima squadra quando aveva 8 anni e ci rimase per due, gli ha rinnovato l’invito a chiudere con un’ultima stagione da calciatore lì dove tutto è cominciato, nell’ambito di un progetto benefico-sportivo che coinvolgerebbe anche la Comunità di Sant’Egidio.

La sicurezza. Il questore ha schierato 800 agenti, che vigileranno sul flusso e il deflusso dallo stadio con un occhio vigile e attento a possibili attentatori. Il ricordo dell’ultimo attentato a Manchester nel corso di un concerto dell’artista Ariana Grande è vivido e l’allerta è

ancora massima per non prevedere misure antiterrorismo rafforzate nel perimetro esterno dell’Olimpico nel corso di tutti i novanta minuti della partita ma anche e soprattutto nel momento del deflusso.

Proprio per questo, attraverso un comunicato, la questura di Roma ha fatto sapere che “al termine della gara è rigorosamente vietato l’accesso

all’impianto sportivo per nessuna ragione, salvo per coloro che ne abbiano titolo”.

es_ES
it_IT
en_US