Largo Brindisi, 18 - 00182 Roma - Tel. +39 06.70476902 - +39 338.6867391 - casamartinezroma@gmail.com

Single Blog Title

This is a single blog caption
1 feb

Vaccini, Lorenzin contro Raggi: “Sua interpretazione viola la legge, previste garanzie per chi si metterà in regola”

“Leggo che il sindaco Raggi e l’Assemblea Capitolina si sono trasformati in un nuovo organo tecnico scientifico delle istituzioni italiane: non solo si occupano di virus e batteri, ma forse presto si occuperanno anche di nuove terapie geniche o di terapie oncologiche”. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin commenta così su Facebook il voto di ieri che farebbe restare a scuola bimbi non vaccinati. “Non si può scherzare sulla pelle dei nostri bambini”.

Condividi

“Il decreto #vaccini – aggiunge il ministro della Salute – è stato studiato anche per tutelare quei bambini troppo piccoli per essere vaccinati e quelli affetti da malattie per le quali non possono accedere alle vaccinazioni. Ricordo che sia il Consiglio di Stato che la Corte Costituzionale si sono espressi chiaramente rispetto alla mozione del Veneto e non vorrei che Amministrazioni Comunali guidate da NoVax portassero avanti posizioni molto pericolose per la salute pubblica”.

Giovedì la sindaca Virginia Raggi aveva scritto a Lorenzin, al ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e al presidente dell’Anci Antonio Decaro per informarli della mozione, approvata nei giorni scorsi dall’assemblea capitolina, sulla necessità di rispettare la continuità didattica ed educativa per tutti gli alunni non ancora vaccinati. La mozione impegna la sindaca a farsi promotrice di un’azione verso il governo, la Regione Lazio, l’Anci e ogni altro ente interessato affinché sia rispettata la continuità didattica ed educativa con particolare evidenza verso i bambini regolarmente iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia (fascia 0-6 anni), i cui genitori non avessero ancora assolto l’obbligo di vaccinazione.

“I bambini rischiano di essere cacciati dalla scuola per il caos della Lorenzin. Per colpa della Lorenzin e dei ritardi nelle prenotazioni della Regione Lazio, da marzo i bambini ancora in attesa della vaccinazione rischiano di essere cacciati dai nidi e dalle scuole di infanzia per i restanti quattro mesi di questo anno scolastico e educativo. I loro diritti vanno tutelati”, replica Raggi su Facebook.

“I genitori e i loro figli non possono pagare così duramente le lungaggini burocratiche di un decreto scritto male e le inesattezze di circolari confuse. Mi riferisco alle lunghissime attese, alle liste interminabili nelle Asl e negli ospedali che tutti conosciamo ad eccezione – a quanto pare – del ministro alla Salute”, continua Raggi. “Lo stesso decreto Lorenzin è talmente pasticciato che discrimina i bambini in base alla scuola alla quale sono iscritti: i genitori dei bambini iscritti alla scuola dell’obbligo potranno pagare una multa e continuare a mandare i loro figli a scuola anche se questi non sono vaccinati; quelli dei bambini iscritti alle scuole dell’infanzia, pur pagando la multa, dovranno ritirare i propri figli. Quindi, secondo la Lorenzin, il pagamento di una multa scongiurerebbe il rischio di contagio e i virus riuscirebbero a distinguere e contagiare i bambini in base alla loro scuola di appartenenza. In questa posizione non c’è scientificità ma soltanto sciatteria”, aggiunge la sindaca sul suo profilo Facebook.

Nel suo post, la sindaca sostiene che sia lo stesso Pd a “sbugiardare la ministra. La mozione di Roma Capitale che tutela i bambini – scrive la Raggi – è stata votata all’unanimità dall’Assemblea capitolina e quindi anche dal Pd che l’ha giudicata condivisibile e di buon senso”. La replica del Pd capitolino è affidata alla consigliera dem Valeria Baglio: “Forse la Sindaca non si è accorta che la sua maggioranza in Aula ha votato una mozione che ribadisce il rispetto della legge nazionale sui vaccini, come indicato al primo punto del dispositivo. Con la sua lettera la Raggi sta strumentalizzando a favore dei ‘novax’ la volontà espressa dall’Assemblea Capitolina, e nel modo peggiore: giocando sulla pelle dei bambini. La mozione votata in Aula, modificata rispetto al testo originario si riferisce ai bambini, dei nidi e delle materne, che hanno un piano dei vaccini concordato con le Asl anche se non ultimato entro il 10 marzo, esattamente come prevedono la legge e la circolare attuativa. L’Aula ha cambiato la mozione del M5S per andare in questa direzione ed evitare confusione ed allarmismi tra le famiglie. Ma la Sindaca non rinuncia agli scontri ideologici. La legge sui vaccini c’è, va rispettata ed è chiara. A Roma, per incompetenze di chi la governa, c’è confusione nelle scuole 0-6. La Sindaca dovrebbe dare indicazioni chiare alle sue scuole, invece di creare polemiche. E la mozione da noi corretta andava in quel senso. Ma evidentemente è più forte di loro, su alcuni temi il M5S non si fida della scienza ed ha un approccio ideologico”.

Intanto la Regione puntualizza che “il tasso di copertura dei vaccini obbligatori nella città di Roma e nella regione Lazio per polio, difterite, tetano, pertosse, epatite B, haemophilus influenzale di tipo B (esavalente) ad oggi sfiora il 97%. Considerevoli

incrementi fino al 96% anche per morbillo, parotite, rosolia ed anche la varicella, la cui obbligatorietà parte dai nati 2017, è molto alta. Un risultato eccellente”, scrive la Pisana in una nota, “ogni polemica rischia ora di generare solo disorientamento. Tutte le strutture sanitarie assieme all’ufficio scolastico regionale stanno collaborando nel migliore dei modi affinché sia garantito il diritto alla salute e il diritto alla formazione educativa”.

es_ES
it_IT
en_US